Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.
×

Attenzione

Errore nel caricamento del componente: com_zoocart, Componente non trovato

Stemma

stemma grande

Nella "Monografia di Muro Leccese" di Luigi Maggiulli si legge: "L' invasione dei Saraceni nel 924 e la distruzione operata da loro nella nostra città, ci spiega l'Arme che si ha oggigiorno; essa rappresenta uno scudo timbrato di corona con una testa di moro coronata di alloro in campo rosso, e vedesi scolpita sui pubblici edifizi e sull'antico sigillo col quale si autenticavano i bandi e le ordinanze dei Sindaci e dei Governatori; possiamo vedere questo stemma scolpito sul frontale della Chiesa dell'Annunziata che risale al 1700, e scolpito anche sul Monumento ai Caduti”.

La descrizione araldica definitiva del Blasone comunale è la seguente:

Troncato nel primo, di rosso, alla testa di moro in profilo, al naturale, capellatura di nero, ornata di serto di alloro di verde, sostenuta dalla linea di partizione; nel secondo, di argento, murato di nero, a guisa di cortina di muro formata da ventidue blocchi rettangolari, posti in sei fasce. Ornamenti esteriori da Città. (Titolo I art. 2 dello Statuto Comunale).

 

 

Elementi correlati

Torna a inizio pagina

Bottom sinistro del portale