Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

Chiesa dell'Annunziata (Chiesa Matrice)

Categoria Chiese e cappelle

L' attuale chiesa fu edificata tra il 1681 e il 1693 su un preesistente edificio sacro di dimensioni inferiori. Il progetto è di due architetti muresi: Francesco Milanese e Giovanni Battista De Bellis . E' a tre navate e con pianta a croce latina. Sul portale d'ingresso si innalzano due statue raffiguranti la scena dell'Annunciazione. Oltre all' altare maggiore che proviene dalla chiesa dei Domenicani, vi sono altri sette altari . Di particolare rilievo quello dell'Annunziata, posto nel braccio sinistro del transetto, in cui le tele dell'Annunziata, dell'Immacolata e dell'Assunta e le quattro formelle raffiguranti storie della vita della Vergine si inseriscono in una pregevolissima e ricchissima macchina scultorea. Nel braccio destro del transetto si ammira l'altare dedicato a S. Antonio da Padova del 1714 di buona fattura.

La Chiesa dell'Annunziata, per la quantità e la qualità delle tele che accoglie, alcune di enormi dimensioni si può definire una vera e propria Pinacoteca. Vi si trovano, infatti, opere di alcuni tra i più importanti pittori salentini del '700. Oltre al murese Liborio Riccio , (1720-1785) vi hanno lavorato tra gli altri Serafino Elmo da Lecce(1696-1722) e Aniello Letizia .

Di Liborio Riccio è il capolavoro " La Cacciata dei mercanti dal Tempio" sul retrospetto. Dello stesso artista il "Sacrificio di Abramo", (braccio destro del transetto), la "Presentazione dei pani e del vino fatto da Melchisedek ad Abramo nel ritorno dalla vittoria contro i Re d'Oriente (braccio sinistro del transetto). Di Serafino Elmo, invece, sono le due tele raffiguranti "Davide danza durante il trasporto dell'arca" e "Eliodoro cacciato dal tempio" posti rispettivamente sulle pareti sinistra e destra del coro. Martirio di S.Oronzo e conversione di S.Oronzo nel retroprospetto. Nella zona dell'attuale battistero è visibile una tela di Donato Antonio D'Orlando (Nardò 1562-1622 ca.) raffigurante San Giovanni Battista. Sempre del D'Orlando sono le due tele collocate nella sacrestia, rappresentanti una "Madonna con Bambino tra S. Giovanni Battista e S. Francesco D'Assisi" e un "Perdono d'Assisi".

  • Info e recapiti

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Hai trovato utile, completa e corretta l'informazione?
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
Torna a inizio pagina

Bottom sinistro del portale